Graffiti-Mural-Wallpaper-HD-For-Desktop

I contenuti visuali dominano la scena del futuro e sono come la pillola rossa di Matrix.

Mentre comunichi sei lo sceneggiatore di un film e ricrei con parole e gesti un’atmosfera, una scena, un sentimento, un’emozione.

Nella tua ventiquattrore da comunicatore mettici la capacità di integrare il tuo copy (il testo) con il visual (l’immagine). Non occorrono una laurea o delle competenze particolari: puoi cominciare ad avvicinarti a Photoshop e a masticare un pochino di editing video. Puoi anche ricorrere all’aiuto di professionisti, se non te la senti di buttarti in prima persona.

Ricordati, però, che a questo punto è necessario metterci la faccia.

Perchè i contenuti visuali sono così importanti

Facciamo un po’ di statistiche. Cercherò di renderle più brevi ed efficaci possibili.

Esistono 10 motivi fondamentali per cui è bene cominciare ad usare immagini e video nei nostri blog:

1) La velocità del cervello nell’elaborazione delle informazioni visive è di 60.000 volte più alta rispetto alla semplice decodifica del testo. Le immagini hanno la capacità di raggiungere lo scopo comunicativo in maniera infinitamente più rapida. Con l’indiscusso vantaggio di essere immediate e – quindi – subito comprese.

2) I contenuti visivi sono il 93% di tutta la comunicazione umana. In pratica, non sappiamo comunicare se non sappiamo comunicare un’immagine. O quantomeno, non siamo efficaci.

3) I contenuti visivi sono in grado di stimolare la condivisione fino al 94 per cento in più. Ora, io non sono una grande amante dei like e discuto di quanto sia realmente interessante un contenuto solo per averlo semplicemente condiviso. Ma se hai un’azienda e vuoi parlare con i tuoi clienti, le condivisioni ti fanno realmente bene.

4) Se un comunicato stampa contiene foto, viene visualizzato fino al 14% in più di quello che non ne ha.
Abbastanza logico, dato che non si crea l’effetto “muro di testo” che ‘ scoraggia i nostri lettori dal proseguire la scannerizzazione del nostro contenuto.

5) Riscontri un aumento del 37% nelle conversioni dei clienti target se il tuo articolo è ottimizzato con l’aggiunta di elementi visivi più interessanti. Questo significa che le persone sono più disponibili a comperare se vedono una o più immagini del prodotto o del servizio, possibilmente fatte bene.

6) Grazie alla presenza (nel tuo scritto) di immagini belle e attraenti, hai la possibilità di incuriosire 67% dei destinatari. Sai già come funziona la lead generation. Quindi sai anche che il 67% è davvero una favolosa potenziale audience.

7) Il 40% degli utenti on-line fornisce risposte più favorevoli ad un contenuto visivo rispetto ad un contenuto basato su solo testo. Quindi avanti, apri Photoshop e comincia a stropicciare la tua foto.

8) L’85% degli utenti Internet guarda video online. Tantissimi, vero? In questo, ormai il web ha dato la polvere alla tv. Con buona pace di programmi insulsi propinati senza il consenso. Ognuno sceglie di guardare ciò che gli piace.

9) Il 26% dei 25 milioni di utenti di smartphone in tutto il mondo guarda video online almeno una volta al giorno.
Anche questo è un dato importante: la fruizione dei contenuti è sempre più mobile. Tienine conto, quando crei o lavori sui tuoi progetti.

10) L’uso di contenuti visivi in una campagna Facebook genera il 65% in più di conversioni dopo solo un mese.
Gli utenti di Facebook adorano le foto ben fatte e piene di dettagli a fuoco.

Penso di averti dato più di una buona ragione per muoverti. Che ne dici?

I contenuti visivi e l’evoluzione della scrittura

Nel momento in cui scriviamo sul web siamo tutti writer (o aspiranti tali). Sai che cos’è un writer?

I writer in Italia sono chiamati graffitari. Ragazzi al limite della legalità, che trovano modo di sfogare la propria creatività in ogni angolo pubblico libero.

Il graffitismo è una forma di espressione artistica combattuta dalle istituzioni, perchè vista come “imbrattamento di opere pubbliche”. Nasce come parte della sottocultura dei ghetti newyorkesi (conosciuta come hip-hop) negli anni ’70.

Al di là del significato sociale, questa tecnica espressiva parla della forma della parola, dell’incontro tra grafema e arte. Dell’evoluzione grafica e visuale del linguaggio, interpretato – in chiave di rottura con il “sistema” – in base alla personalità artistica del writer.

Questo è ciò che accade sul web. Contenuto testuale e immagine si sposano e raggiungono l’efficacia massima della comunicazione: quello della collocazione del messaggio presso il ricevente, che lo decodifica e lo interpreta.

L’evoluzione visiva della grafia

Non è necessario andare a cercare in qualche muro di qualche quartiere o in qualche vagone abbandonato in qualche periferia sonnolenta . I graffiti – in senso letterale – si trovano anche sulle pagine dei diari.

E’ il fenomeno del journaling e degli sketch book. Dove la parola si trasforma e diventa essa stessa un elemento visuale, di forma, di embellishment.

In questi esperimenti si raggiunge la perfetta fusione di parole e immagini.  Ecco perchè è fondamentale essere ferrati in scrittura, ma mettere un piede (o due) nell’arte visiva. E come sempre, puoi farlo studiando, osservando, aprendo i tuoi orizzonti a forme diverse di comunicazione artistica.

Le possibilità di espressione diventano infinite. Se apri la tua testa, la tua creatività si rafforza e diventa potente.

Recupera la tua manualità e allena l’occhio alla visione

Faremo insieme qualche esercizio per allenare la mente a compiere la fusione dei contenuti multimediali.La tua mente è potente e con essa puoi tutto. Sperimentala e goditi i risultati.

Cosa ne pensi? Stai già facendo training per potenziare le tue possibilità? Lasciami un commento, fammi sapere.

Irene Donata Ferri
Seguimi

Irene Donata Ferri

Personal coach, storyteller, creative copywriter at Idieffe Communications
Scrittore per formazione e vocazione. Insegno l'Arte della Parola. Uso la scrittura intuitiva per raccontare storie, canalizzare messaggi, creare realtà.
Irene Donata Ferri
Seguimi

Latest posts by Irene Donata Ferri (see all)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *